Le pagelle di Juventus – Fiorentina.

ott262011

Storari 6: non viene molto impegnato, grazie alla ottima prova della squadra in generale e della difesa in particolare. Sicuro quando viene chiamato in causa.
Bonucci 6,5: segna un gol da vero “attaccante” di razza, poi chiude bene gli spazi agli avversari e sbaglia poco. Stavolta una buona prova.
Barzagli 6: a parte il primo quarto d’ora della ripresa, governa la difesa senza affanni, facendosi trovare sempre al punto giusto nel momento giusto. ottimoanche in fase aerea.
Lichsteiner 7: si rende protagonista di una grandissima prestazione sulla sua fascia di competenza, dove crea sempre azioni pericolose. Quando si spinge si sente eccome.
Chiellini 6: fa molta più fatica di Lichsteiner a sfondare sulla sua fascia, per questo le azioni pericolose non vengono dal suo piede. Fisicamente è apparso un po’ stanco, ma non è il momento di tirare il fiato.
Marchisio 6: ha fatto bene il suo compito, limitandosi a spezzare le trame avversarie. Ha provato anche la conclusione ma non ha proprio il piede di Pirlo.
Pirlo 7: nel primo tempo orchestra la manovra in scioltezza e classe, mentre nella ripresa riprende in mano le redini della squadra dopo la sfuriata viola, e con la sua geometria scandisce la circolazione della palla in modo magistrale
Pepe 7,5: Ë un pericolo costante per la difesa viola, che se lo vede passare da ogni parte e arrivare in posizione di tiro molto spesso. Non segna, ma fornisce uno splendido assist. Uno dei migliori in campo.
Vidal 7: dimostra grande atletismo e ottima capacità di giocare in spazi stretti. Dialoga benissimo coi compagni e si rende molto pericoloso nel primo tempo. Cala alla distanza e termina il match in leggero affanno.
Vucinic 7: si adatta benissimo alla posizione in campo che gli destina Conte, stringendo verso il centro spesso e volentieri per arrivare alla conclusione. Dispensa moltissimi palloni per i compagni.
Matri 7: cerca con insistenza di creare spazi utili per essere servito e arrivare alla conclusione. Nel fare ciò viene premiato dai compagni che lo mettono spesso in condizione di concludere. Alessandro ringrazia con un’altra rete che vale tre punti.
De Ceglie n.g.: si rivede nel finale il terzino valdostano.
Estigarribia n.g.: solo pochi minuti per lui.
Pazienza n.g.: entra a giochi fatti, s’impegna molto, ma il tempo ha sua disposizione scarseggia.

Nessun commento

Comment RSS Trackback URL

Scrivi un commento

This site is using OpenAvatar based on