Cagliari – Juventus 0-2. E’ SCUDETTO!!!

mag62012

Ho capito che avremmo vinto la partita, quando ho visto la serenità di Buffon che caricava scherzosamente Barzagli prima dell’inizio. Non potevo però immaginare il risultato del derby, che ha vissuto di intense emozioni fino a metà del secondo tempo. Quindi non potevo immaginare che stasera sarebbe arrivato lo scudetto, così come non lo pensavano nemmeno in società Juventus, vista la “disorganizzazione” della festa dopo la gara. Ma le cose più inaspettate e più spontanee, sono sempre le più belle. Belle quanto lo scudetto della terza stella, quello di Conte, di Pirlo, di Vucinic, di Buffon, di Barzagli, di Vidal, e, assolutamente, di Alex Del Piero.

 La partenza della Juve è fulminea, tanto che Vucinic insacca dopo pochissimi minuti di gioco! La partenza è sul filo del fuorigioco, e stavolta Mirko non perdona. Doppia esultanza dei tifosi accorsi al Nereo Rocco, perchè di lì a poco arriva anche la notizia del vantaggio dell’Inter con Diego Milito. Tutto sembra in discesa in questo avvio, ma i primi problenmi arrivano con l’infortunio di Lichtsteiner, costretto ad uscire in favore di Caceres. Nulla varia a livello tattico, ma l’atteggiamento diventa forse ancora più propositivo.

La manovra però non è così fluida come al solito, complice anche il terreno di gioco, reso molto viscido dall’abbondante pioggia. Il gioco è spezzettato dai molti errori di misura da ambo le parti, infatti lo specchio di questo disagio juventino, è visibile dal dato del possesso palla, inferiore alla consuetudine. Il Cagliari mette paura solamente con Pinilla che con una bomba da trenta metri mette paura a Buffon. Le punte bianconere spariscono dalla manovra, anche perchè la Juve sente il peso dell’incontro e non accompagna la manovra con quella spregiudicatezza che l’ha sempre contraddistinta; allora ci pensa Pepe a tentare un tiro ad effetto, ma la posizione è così angolata che è difficile centrare la porta.

La prima frazione finisce con un vantaggio meritato ai punti. Conte però già vede dei correttivi da fare, in quanto ci sono dei cartellini gialli pericolosi. Nei primi minuti della ripresa toglie quindi Vidal per Giaccherini, un ruolo da interno che ha già coperto con buoni risultati altre volte. La sua lucidità e la sua rapidità servono per cercare delle ripartenze più veloci, come quella che intorno al 60′ vede Vucinic a tu per tu col diretto avversario in area di rigore, ma la conclusione è una ciabattata che finisce alta sulla traversa. Non si vede invece Matri, se non per farsi fischiare un paio di fuorigioco, così Conte lo fa accomodare in panca in favore di Marco Borriello. L’ingresso di quest’ultimo risveglia anche Vucinic, che sfodera un bellissimo tiro all’incrocio, ma il portiere si supera. Ma il 2-0 arriva prestissimo, perchè Carini nell’intento di anticipare Borriello, insacca nella sua stessa porta!

Il mister vuole blindare il risultato e fa scendere gli esterni arrivando addirittura alla difesa a cinque! Ma la polizza migliore per la Juve sono gli altri due goal dell’Inter con Diego Milito, che chiude tutti i giochi e dà il via alla festa bianconera. Dopo cinque anni di sofferenza.

Nessun commento

Comment RSS Trackback URL

Scrivi un commento

This site is using OpenAvatar based on