Atalanta – Juventus 1-3. Oro, incenso e mirra.

dic222008

Alex Del Piero, Nicola Legrottaglie e Amauri: questi i nomi dei tre Re Magi che portano la Juve a festeggiare un sereno Natale ed un meritato riposo. Sarebbe da dire, “tre a uno e buon Natale a tutti“. Invece ciò che toglie semplicità a questo commento è il modo con cui l’Atalanta ha preso la sconfitta. Tutto nasce dal gol di Del Piero che sfrutta un assist di Marchionni in leggerissima posizione di fuorigioco. L’offside è talmente minimo che pur rivedendo le prime tre o quattro volte le immagini di Sky, si ha ancora qualche dubbio. Ma per Del Neri tutto è chiaro e tutto sembra organizzato ad hoc per penalizzare l’Atalanta. Parla di errori “pacchiani”, di guardalinee che mangiano troppi panettoni, di sudditanza psicologica. Veramente Signor Del Neri, non se ne può più.

Ne abbiamo abbastanza di gente come lei che si riempie la bocca di parole come “fair play”, “signorilità”, “rispetto”, ma che non perde occasione per dimostrare quello che veramente pensa e ciò che davvero vale. Il “fair play”, la “signorilità” e il ”rispetto”, glielo ha mostrato quest’oggi il Signor Claudio Ranieri, cha ha avuto l’onestà di presentarsi davanti alle telecamere ed ammettere chiaramente che quel gol è stato viziato da fuorigioco. Nessuno può parlare in questi ultimi due anni di sudditanza psicologica quando gioca la Juve, visto che prima di fischiarci un rigore deve passarci sopra un carrarmato. Nessuno può parlare di favori arbitrali continui per i bianconeri, poichè se andassimo a vedere i gol o i fuorigioco che ci sono stati fischiati a svantaggio…..

Tutto ciò è talmente ridicolo quanto disgustoso. E il Signor Del Neri dovrebbe ripensare al suo personale show quando poi ci sono cinquecento tifosi dell’Atalanta che aspettano i tifosi bianconeri fuori dallo stadio. E qualcuno spieghi all’allenatore dei bergamaschi che non li aspettavano per fargli gli auguri di buone feste. Ranieri, che noi critichiamo spesso per altri motivi, ha sempre avuto il nostro (e non solo nostro) massimo rispetto per quanto riguarda i commenti alle decisioni arbitrali. Il suo pensiero è che l’episodio in sè stesso ci può stare a favore e contro, e gli arbitri sbaglieranno sempre; oggi a te e domani a me. Quello che sfugge all’Atalanta è che non hanno perso uno a zero, ma tre a uno, con gol valido annullato anche a Chiellini! Non è colpa dell’arbitro se Legrottaglie prima e Amauri poi sono saltati più in alto di tutti e hanno messo il pallone in rete. O se il loro portiere ha clamorosamente bucato l’uscita in occasione del nostro vantaggio….

Ad ogni modo, la vittoria di oggi è stata molto importante; a parte il mero accumulo dei tre punti, fondamentali per la rincorsa all’Inter, non dobbiamo dimenticare che l’Atalanta fino ad oggi aveva totalizzato in cASA gli stessi punti della Juve. per questo Ranieri aveva ripetuto in settimana di non volere distrazioni, di mantenere alta la concentrazione e di giocare con lo spirito giusto. Infatti non lo hanno minimamente ascoltato. I venti minuti iniziali sono stati in mano ai bergamaschi, e la Juventus ha sofferto il dinamismo avversario rischiando di prendere gol in almeno due (grosse) occasioni. Passato il pericolo la “vecchia signora” ha ripreso piano piano il pallino del gioco, alzando progressivamente il baricentro fino a portarsi in vantaggio con Del Piero e a raddoppiare con Legrottaglie (inspiegabilmente sotto tono nonostante il riposo di domenica scorsa). Ma l’Atalanta è stata sempre in partita, poichè anche sullo 0 a 2 la nostra difesa concedeva comunque qualcosa. Tant’è che Vieri ha potuto riaprire la partita sorprendendo di testa la nostra difesa. Bravo lui o addormentati noi?

Poco importa, ci pensa Amauri con l’undicesimo gol in questa stagione. Impressionante la sua media e la sua importanza per la squadra. Stavolta il nostro capitan Alex non è stato incisivo come al solito, ma Amauri pur non brillando, ha comunque fatto un lavoro importante. In generale la squadra ha fatto una buona partita, ma deve crescere molto in continuità all’interno della stessa gara; troppa discontinua l’azione dei bianconeri e troppi cali di concentrazione. Anche singolarmente, spesso chi fa una buona partita non riesce a ripeterla la volta dopo, vero Molinaro?

C’è ancora molto da lavorare, ma ora è il momento delle “vacanze”. Buon Natale e buone feste a tutti.

  1. FrancysNo Gravatardicembre 22nd, 2008
  2. LostNo Gravatardicembre 22nd, 2008
  3. RobertoneNo Gravatardicembre 22nd, 2008
  4. gennaroNo Gravatardicembre 23rd, 2008
  5. js-staffNo Gravatardicembre 23rd, 2008
  6. Alfdicembre 24th, 2008

Scrivi un commento

This site is using OpenAvatar based on